sabato 15 giugno 2013

Crostata alle pesche e il blocco pasticciero...

Conoscete bene il blocco dello scrittore vero?

Questo fu il mio blocco della pasticcera.... Un mese intero senza fare dolci, senza pubblicare post e ricette....

Il forno si ricoprì di ragnatele e la solita fornitura di ingredienti "pronti all'uso" si prosciugò in un batter d'occhio.... Niente sembrava potesse salvare la situazione... Ogni speranza era perduta... Le teglie abbandonarono i loro sogni di diventare fattori di grandi opere d'arte.

Dopo questa pausa di riflessione.... incerta di quello che stavo facendo presi in mano gli attrezzi e i pentolini.... ed ecco... che a un tratto... scoppiò quella scintilla magica!!!! E l'ispirazione s'impossessò di me...


Swuooshhhhhhh .......

Non per vantarmi, ma da quando ho ripreso a fare i dolci il tempo estivo si è finalmente stabilizzato.

Non c'è di che.. (disse soffiandosi sulle unghia con sufficienza)

Allacciate le cinture quindi.... e preparatevi a subire e subire e ancora di più subire le ricette una dietro l'altra (speriamo) per ora ne ho due compresa questa e un altro mezzo esperimento....
che è un segretoooo (tshhhh non ditelo a nessuno ma sto sperimentando con la pasta madre ma tshhhhh... acqua in bocca)


Questa volta vi voglio un gran bene e quindi non vi rimando altrove a cercare i pezzi di questa ricetta.... riporterò tutti i passi fedelmente... (spero)

Sono convinta che dovrei segnarmi il procedimento quando sperimento sui fornelli ma chiccelafà nel momento d'ispirazione? eh ? eh?

Ingredienti per una crostata 24 cm

Frolla (quantità di frolla basterebbe per due crostate)
250 gr farina
150 gr burro
50 gr zucchero semolato
50 gr zucchero di canna
2 tuorli
1 cucchiaino pieno di sale
2 cucchiaini di estratto di vaniglia

Crema (precisa per una crostata)
250 gr di latte
scorza di 1 limone intero
2 cucchiaini del succo di limone
70 gr zucchero
2 cucchiai di miele
30 gr farina

Per copertura
5 pesche "pelose" anche un po' dure (meglio durette)
zucchero al velo q.b. (circa 3 cucchiai)

Preparate la frolla. Mescolate gli ingredienti in una coppa e lavoratela con le mani con burro freddo finché non si distribuisce il tutto uniformemente per poter formare una palla. Mettetela nel frigorifero per 30 minuti circa. Quanto basta per far rassodare il burro.

Stendete la frolla e sistematela nella teglia foderata con la carta sul fondo. Non lasciate i bordi alti solo all'altezza del mignolo. Pareggiate il livello dei bordi con il coltello.

Infornate a 180° a forno preriscaldato per quanto basta che la frolla si colori. Sfornate e lasciate raffreddare prima di toglierla dalla teglia.

Mentre si raffredda la frolla Preparate la crema. Il procedimento è come per la crema pasticcera.

Mettete nel pentolino il latte, le scorze lavate di limone e lo zucchero ed accendete la fiamma media. Portate quasi a ebollizione e spegnete la fiamma. Lasciate un po' in infusione mentre preparate la seconda parte della crema.

Nella piccola coppetta mescolate il miele, il succo di limone e un po' di latte del pentolino. Setacciate dentro la farina e frustate finché non si amalgama senza grumi. Aggiungete il latte attraverso il colino frustando per amalgamare. Rimettete il composto sulla fiamma e continuate a frustare finché non si addensa.

Spegnete la fiamma e continuate a mescolare... lasciate a riposare per un po'. Quando smette di "fumare" versate la crema nella crosta già raffreddata e spalmatela bene su tutta la superficie. Sarà uno strato sottile perciò continuerà a raffreddarsi mentre tagliate le pesche.

Preparate la copertura, lavate e sbucciate le pesche con il coltello. Affettatele a spicchi e sistemate a ventaglio sopra la crema.

Infine fate la doppia o anche tripla spolverata con lo zucchero al velo (per questo è meglio se prendete le pesche dure e non troppo mature). Mettetela nel frigorifero a riposare per mezzora prima di servire.

La vostra crostata alle Pesche paradisiaca è pronta.!!!

Buona colazione Luigi!!!


Nessun commento: