mercoledì 23 gennaio 2013

Ciambella alle mele mini-post




Questo è un super mini post dedicato a questa ciambellona, effettivamente buona, nonostante le mie aspettative e le raccomandazioni dalla parte di proprietario della ricetta base. Insomma nun me fido :) Ora si.

Due, la glassa sopra, l'hanno paragonata a Alpenliebe, ma è la solita crema al caramello (zucchero noce di burro e panna)

Nel titolo ho scritto che è un mini post.... ergo devo concludere... Ecco sotto la ricettina per una goduriosa ciambella... perfetta per la colazione (maddai!)



Ricettina liberamente e sfacciatamente ispirata by Passioncooking.

Ingredienti per una ciambella (se la volete alta moltiplicate le dosi per 1,5 se la forma è enorme come la mia (standard modello Coop) se no anche così è deliziosa.
150 gr burro
300 gr zucchero
3 uova
180 ml latte
300 gr farina
1/2 bustina di lievito (nella originale c'era scritto 1 bustina, ma è troppo per una ciambella piccuina così :) )
1/2 cucchiaino di sale
3 mele golden

Per glassare
1/2 bicchiere di zucchero
1/2 noci di burro (credo 30 gr al massimo)
e 100 ml circa di panna dipende quanto volete deluirla

Sciogliete il burro a bagnomaria, poi versatelo nella coppa, dove verserete tutti gli ingredienti (escluse le mele) e li amalgamerete tutte insieme per bene. Occhio a non versare subito tutti i liquidi, ma magari prima la farina che andrà amalgamandosi con tutto delicatamente, se no si rischiano i grumi.
Ora pulite le mele, levate il torsolo, sbucciateli e tagliate a cubetti.

Versate il composto nella teglia imburrata e infarinata e poi cospargete di cubetti di mele.
Cuocete a forno preriscaldato  180 ° per 30 o più minuti. Essendo le mele umide ho fatto cuocere finché non si è colorata un po' la superficie.

Sfornate e lasciate raffreddare. Nel frattempo preparate la cremina al caramello. Sciogliendo nella padella antiaderente lo zucchero, poi frustando il caramello con le noci di burro e poi panna. Versate finché la crema è calda e liquida sulla ciambella.

Potete mangiarla senza aspettare... oppure aspettare il giorno dopo che diventa ancora più buona!

Buona colazione Luigi!

Nessun commento: