giovedì 28 luglio 2011

Le raviole o biscotti ripieni? Entrambi!!!!!


Lo sapevate che questa è l'ora della FAVOLA ???!?!?! yeahhhh!!!!
C'era una volta una bimba pasticciona che era sempre alla ricerca di cose particolari, interessanti ed elaborate. Era alla rcerca di nuovi sapori da tanto tempo, talmente tanto che aveva trascurato i vecchi classici sapori, e non si era esercitata sulle techinche base.
Un giorno il Re dichiarò una sfida culinaria a tutte le ragazze del regno, quella che avrebbe vinto sarebbe diventata la pasticcera del Castello, un posto molto ambito a quei tempi.
Si presentarono le ragazze da tutte le parti del mondo, tra di loro c'era anche la bimba pasticciona.
La sfida cominciò. Molte sfidanti furono eliminate ed infine, dopo una settimana di sfide ed eliminazione, rimasero solo due, la bimba pasticciona e una signora.
Il tema dell'ultima sfida era di scoprire e preparare una ricetta tipica del reame, la più tipica che ci sia e chi l'avrebbe preparata sarebbe stata la vincitrice.
La signora cominciò a preparare ed impastare qualcosa e la bimba pasticciona rimase bloccata. Non aveva mai fatto ricette tipiche, solo ricette ricercate con svariati ingredienti. Bimba rimase a pensare a lungo e la signora aveva quasi finito. Era una torta a più strati la sua. La stava rafreddando per poi farcire e decorare.
Bimba non seppe cosa cucinare e quindi pensò alla mamma, la sua mamma che radunava tutta la famiglia per fare i ravioli, uno dei piatti preferiti anche del re.
Allora la bimba preparò un impasto dolce e prese la marmellata di mele, che crescevano numerose da quelle parti. Preparò dei fagottini simili ai ravioli e le cosse nel forno.
Appena usciti dal forno erano scuriti, quindi per servirli le decorò con la polvere di zucchero, rendendole bianche ed esteticamente pulite, quasi raffinate.

Venne l'ora di presentare i dolci. Per primo il Re assaggiò la torta. Una torta ricca di sapori di creme, di cioccolato e dei canditi. C'erano molti sapori e bimba pasticciona pensava già di aver perso.
Dopo la torta venne il turno dei ravioli della Bimba. Il Re prima di assaggiare le guardò attentamente.
"Eppure doveva essere la prova dei dolci" pensò, poi mise un raviolo in bocca e lo masticò attentamente.
Il viso del Re s'illuminò. I ravioli dolci erno al di sopra delle sue aspettative quindi prese la decisione senza alcun dubbio. Bimba Pasticciona fu nominata la Pasticcera del regno e il Re proclamò quel giorno, il giorno dei Ravioli dolci, e per non confonderli con quelli salati, decise di chiamarli Le Raviole.

Ingredienti per due teglie di raviole (altrimenti detti biscotti ripieni)
gr.100 di zucchero
1 pizzico di sale
gr.100 di burro
1 uovo
gr.200 di farina
1 cucchiaino di lievito

Per ripieno:
Nutella, Marmellata, Ganache al cioccolato, Caramello

domenica 24 luglio 2011

Una crepa sulla Crêpe nella creperia sul crepuscolo.... ripetere velocemente


Trentatre trentini scesero da Trento alla creperia sul crepuscolo per assaggiare le mie Crèpe. Nel dubbio di come si scriva metto l'accento sulla è, così se è sbagliato potrò dire"la ricetta è mia, lo chiamo come mi pare".
Perchè crèpe? Perchè il forno per un po' l'ho abolito per l'effetto Sauna in casa. Perchè ho ancora il sorbetto nel frizzer e perchè piace a Luigi.
Una ricettina semplice, che faccio frequentemente quindi va assolutisimmamente nominata nel blog. Perchè se Luigi li mangia a colazione devono stare nella "Colazione di Luigi" :) oggi sono un po' scioglilingua, sarà perchè ho fatto lo streching.. ah ah ah... dopo questa i 4  gati che  mi leggono saranno già scappati lontano dal mio blog.
Sotto la panca la capra campa, sopra la panca... ^_^ c'è a ricettina

Ingredienti per 6 crèpes:
115 gr uova ( 2 uova medie)
20 gr zucchero
1 pizzicone grosso di sale
170 gr latte
170 gr farina setacciata

1 cubetto del grasso di guanciale per cuocere, in alternativa tovagliolo impregnato di olio
1 noce di burro

venerdì 15 luglio 2011

Sorbetto all'anguria melone e vaniglia...


Perchè fa caldo. Perchè non è possibile usare il forno per fare un dolce senza scioglierti sul pavimento. Perchè è la stagione delle angurie e perchè quando mangi un dolce da questi tempi vuoi che sia fresco e dissetante senza che perda nel sapore e nella bontà. Perchè dopo le ferie mi prudevano le mani per fare un dolce e mi sono fatta ispirare dall'estate.

Devo dire è il mio primo sorbetto e non ho la gelatiera in casa che in questo periodo sarebbe un acquisto impossibile. Sapete com'è le entrate sono sempre le stesse le spese sono sempre di più? Eppure per una qualche proporzione algoritmica dovrebbe essere che le spese aumentono con l'aumento delle entrate ^_^ ma questa è un altra storia del mondo di fantascienza... Torniamo ai nostri "polli" detti Sorbetti :) .

Regola numero uno: non scoraggiatevi di fronte a una ricetta del gelato o sorbetto se non avete la gelatiera, si può sempre fare come ho fatto io (leggi ricetta). Il risultato sicuramente non sarà altrettanto liscio, ma il sapore ed il poterlo fare in casa vi entusiasmerà.
Regola numero due: tutta (ribatto TUTTA) la frutta è adatta per il sorbetto, basta trovare l'approcio giusto, alcuna frutta va "sciacquata" con il prosecchno per rallentarne il raffreddamento, seguiranno esempi con le prossime ricette, Stay Tuned!
Regola numero tre..... OSATEEEEEEE condite con il cioccolato, mandorle tostate frutta fresca o qualsiasi altra cosa vi venga in mente.... :)